il cfp

In questi anni il CFP si è rivolto preferenzialmente a giovani che si preparano ad entrare nel mondo del lavoro (corsi per adolescenti in possesso di licenza di scuola media o giovani diplomati) soggetti tradizionalmente considerati “deboli” (adolescenti disorientati, dropout, immigrati extracomunitari, persone con disabilità, disoccupati). Ha sviluppato corsi di formazione iniziale, azioni di orientamento rivolte a giovani ed adulti, e realizzato interventi di formazione permanente e continua per apprendisti e persone occupate. Sono stati progressivamente elaborati e aggiornati contenuti e metodi della didattica, incentrando i processi formativi soprattutto su alcune strategie chiave quali successo formativo, sviluppo di competenze tramite metodiche attive, relazione educativa e personalizzazione.

team

Caratteristica del CFP è l’attuazione di una metodologia formativa basata su compiti reali, con una didattica attiva basata su processi di apprendimento dall’esperienza anche tramite gli stages formativi realizzati in stretta collaborazione con le imprese del settore di riferimento con l’obiettivo di sviluppare la consapevolezza circa il progetto personale dell’utente e il percorso intrapreso. Carattere fondamentale della metodologia formativa è l’integrazione tra conoscenze, abilità e capacità, al fine di delineare vere e proprie competenze che si collocano lungo il percorso.
La proposta formativa valorizza l’esperienza concreta e si basa su una relazione personalizzata volta a garantire il successo formativo, centrata sull’acquisizione di competenze utili e sull’attribuzione di senso agli apprendimenti proposti; essa appare particolarmente adatta a coloro che presentano uno stile di apprendimento che privilegia l’intelligenza pratica, esperienziale e intuitiva. Le attività sono realizzate attraverso metodologie di tipo attivo che prevedono la possibilità di personalizzare il servizio soprattutto se rivolti agli adolescenti. Gli obiettivi di ogni modulo sono perseguiti in modo da rispondere alle differenziate esigenze dell’utenza in un’ottica personalizzata volta a garantire il successo formativo a tutti gli allievi.
Accanto alle metodologie tradizionali vengono frequentemente utilizzate simulazione, laboratori, seminari e riproduzioni di processi di lavoro. Per alcuni corsi di formazione permanente (ad es. lingua inglese, informatica), è prevista anche l’autoformazione supportata da appositi programmi di apprendimento.